Foto d'archivio
News
IL CASO

Torino, sette clochard cacciati dalle vie del centro: scoppia la polemica

L’intervento della polizia dopo le proteste dei cittadini per l’eccessivo degrado. Il Pd: “Vogliono costringere i senzatetto a lasciare la strada”

Sette clochard identificati e allontanati dalle vie del centro di Torino. A intervenire, questa mattina, sono stati gli agenti del commissariato Centro, in collaborazione con la polizia municipale, in seguito agli esposti dei cittadini che da tempo denunciano situazioni di degrado e irregolarità.

In particolare, sono state controllate le zone di via Vinzaglio, via Cernaia, piazza Castello e via Viotti. Tre senzatetto sono risultati irregolari sul territorio nazionale, gli altri sono stati invitati a prendere le loro cose e ad allontanarsi per consentire la bonifica e la sanificazioni delle aree interessate da parte della polizia locale e dell’Amiat.

LA POLEMICA

“Non sono soltanto proclami e annunci. Da stamattina è iniziata l’operazione tutta muscoli e divise contro i clochard costretti a sgomberare dagli agenti della polizia municipale da via Cernaia, via Viotti e altre strade del centro di Torino – hanno dichiarato in una nota Mimmo Carretta (Segretario PD Torino) e Paolo Furia (Segretario PD Piemonte) -. L’operazione rientra nella strategia mai annunciata, ma evidente dalle recenti dichiarazioni del capo della polizia municipale e dell’assessore ai servizi sociali, di costringere i senza tetto a lasciare la strada. Sempre in quest’ottica nelle Circoscrizioni di Torino sono già emerse le criticità al nuovo regolamento “Modifiche da apportare al regolamento per la tutela ed il benessere degli animali in città.” che fra le altre cose inserisce il divieto totale dell’utilizzo di qualsiasi specie animale per la pratica dell’accattonaggio col conseguente sequestro dell’animale. Un’altra decisione disumana che priverà persone già in condizioni di estrema fragilità e difficoltà della compagnia e dell’affetto di un animale d’affezione”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo