SICUREZZA

Torino, record di arresti: 18 in 24 ore

Furto alla stazione di Torino Stura: presi quattro giovani italiani. "Meriteremmo di essere presi a calci nel sedere"

Record di arresti a Torino: nelle ultime 24 ore ben 18 persone sono state arrestate dalla polizia. Le manette sono scattate per vari tipi di reati: dallo spaccio di droga a furti e rapine.

Nella notte quattro italiani di età compresa fra i 21 e i 24 anni sono stati sorpresi dagli agenti del commissariato Madonna di Campagna mentre scappavano dopo aver commesso un furto presso la stazione ferroviaria “Torino Stura”.

Dopo aver forzato un vagone, erano saliti a bordo di un convoglio fermo prendendo un estintore, un martelletto spaccavetri e altro materiale. Uno di essi aveva anche imbrattato con una bomboletta spray il vagone mentre uno dei complici filmava la bravata degli amici. I quattro avevano i volti travisati e indossavano dei guanti da lavoro per non lasciare le proprie impronte. I giovani, due dei quali universitari, un cameriere in un ristorante in collina e l’ultimo meccanico, resisi conto di ciò che avevano fatto, hanno detto che si sarebbero “meritati di essere presi a calci nel sedere”.

Sono invece cinque gli arresti per rapina. Gli episodi si sono verificati in due luoghi del centro città: il primo in piazza Vittorio Veneto, nei pressi di via Plana, dove un ragazzo minorenne, in compagnia di un amico, intenti a vedere un video sul cellulare, sono stati minacciati da un italiano venticinquenne armato di coltello, affiancato da un complice, anch’egli italiano, affinché gli consegnasse il telefonino.

La vittima, spaventata, ha obbedito: inutile il tentativo di difesa da parte di un passante, straniero, anch’egli minacciato col coltello. Pochi istanti dopo è transitata una pattuglia che, raccolte le descrizioni dei rapinatori, li ha individuati poco distante, recuperando il cellulare e assicurando alla giustizia gli autori del fatto, che hanno entrambi precedenti.

Più tardi, attorno alle 23.30, invece, in piazzale Valdo Fusi, due ragazzi di sedici anni sono stati avvicinati da tre marocchini più grandi di loro di una decina di anni. I malviventi li hanno minacciati e colpiti con schiaffi, dopodiché hanno portato via ai due amici un power bank per cellulare e il portafogli di uno dei due contenenti poche decine di euro. I ragazzi sono riusciti ad avvisare il 112 dando le indicazioni del gruppo che li aveva aggrediti e poco distante, in piazzale Valdo Fusi, una volante li ha arrestati, con la refurtiva ancora addosso.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single