rapine farmacie torino questura
Cronaca
IL BLITZ DELLA SQUADRA MOBILE

Torino, rapinavano farmacie e negozi: in 3 arrestati dalla polizia a Barriera Milano [VIDEO E FOTO]

I raid messi a segno tra novembre e gennaio scorso

Rapinavano farmacie e negozi: in tre finiscono in manette. Ad assicurarli alla legge, nei giorni scorsi, sono stati gli investigatori della sezione antirapina della squadra mobile della Questura di Torino i quali hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal tribunale del capoluogo piemontese a carico di tre italiani pluripregiudicati, R.S. (33 anni), F.A. (39 anni) e M.M. (26 anni), gravemente indiziati di aver perpetrato alcune rapine.

BECCATI A BARRIERA MILANO
Le misure cautelari costituiscono l’esito di mirate indagini, svolte nell’ambito dell’intensificazione dei servizi dedicati al quartiere di Barriera di Milano, ove risultavano risiedere tutti i tre malviventi. La “batteria” composta da R.S. e F.A. è indiziata di una rapina commessa lo scorso 8 novembre in danno di un albergo, di una tentata rapina e di una rapina consumata, entrambe perpetrate il 9 novembre, in due diversi supermercati, nonché di una tentata rapina commessa il 12 novembre 2021 ai danni di una farmacia.

COLTELLO E PISTOLA FINTA
Le indagini, svolte sotto il costante coordinamento della locale procura della Repubblica, hanno consentito di stabilire che l’autore materiale dei delitti era sempre R.S., armato di coltello a serramanico e, in un caso, di un’arma da sparo (poi risultata una fedele riproduzione di un revolver, rinvenuta in occasione del suo fermo), mentre F.A. aveva funzione di “palo” e di autista dell’autovettura utilizzata per la fuga.

PRESO IL DENARO, SI ERA DATO ALLA FUGA
A carico di M.M. sono stati, invece, raccolti elementi indiziari in relazione ad una rapina consumata l’11 gennaio 2022 in danno di un’altra farmacia. In tale occasione il malvivente, armato di coltello a serramanico, dopo aver minacciato il titolare, si era impossessato del denaro contenuto all’interno della cassa, dileguandosi a piedi nelle vie limitrofe.

LE INDAGINI PROSEGUONO
Le indagini della Mobile proseguono per accertare l’eventuale coinvolgimento del trio di malviventi in altri analoghi episodi criminosi.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo