juric gn
Sport
I GRANATA

Torino, oggi il raduno. Nessun volto nuovo: convocato pure Bremer

Mercato, spuntano Joao Pedro e Solet

Oggi il Torino comincia ufficialmente la stagione 2022/23 ma è un cantiere aperto dopo aver perso tutti i pezzi pregiati e non avere ancora regalato un solo calciatore a Juric dei dieci finora promessi per ricostruire il “Toro”. L’elenco dei convocati la dice lunga, nemmeno un nuovo acquisto. C’è ancora Bremer che partirà di certo e che probabilmente nemmeno si presenterà. Con i soldi ricavati dal suo addio – l’asta è scatenata – i granata faranno il mercato estivo.

I CONVOCATI
Ecco l’elenco di chi da oggi sarà a disposizione dell’allenatore Ivan Juric per il ritiro. Portieri: Gemello. Si aggregheranno in seguito: Berisha, Milinkovic-Savic. Difensori: Izzo, Bremer, Buongiorno, Singo, Djidji, Vojvoda. Si aggregheranno in seguito: Zima, Rodriguez, Aina. Centrocampisti: Kone, Kryeziu. Si aggregheranno in seguito: Lukic, Ricci, Linetty. Attaccanti: Sanabria, Zaza, Verdi, Millico, Edera, Horvath. Si aggregheranno in seguito: Seck, Pellegri. In questa fase iniziale Juric ha ottenuto l’inserimento in lista anche di due Primavera, si tratta di Dellavalle (2004) e Gineitis (2003).

L’APPUNTAMENTO
I granata si raduneranno oggi di primo mattina, giusto un mese e mezzo dopo l’ultimo match giocato in casa con la Roma. Ritrovo al Filadelfia per dare il via alla preparazione. Rispetto a quella partita di maggio, sono tantissimi i calciatori andati via: Ansaldi e Belotti, Mandragora, Brekalo, Pjaca, Fares, Pobega, Warming e Praet. Solo per quest’ultimo c’è la possibilità di un ritorno con la trattativa che va avanti con il Leicester. Dunque, uno dei dieci acquisti potrebbe non essere un volto nuovo. Tra i convocati non c’è per ora quello che sarebbe il primo acquisto del Toro: Brian Bayeye, il giovane terzino preso dal Catanzaro e su cui c’erano gli occhi di tante squadre di Serie A. L’acquisto non è ancora ufficiale, dunque si aggregherà al gruppo quando sarà tutto fatto dal punto di vista burocratico.

IL MERCATO
Finora il vero punto dolente. Il nome relativamente nuovo è quello di Oumar Solet, difensore francese del Salisburgo. Ha 22 anni ed è il profilo che potrebbe sostituire il partente Bremer. Tuttavia sul calciatore ci sarebbe anche il Milan, quindi l’obiettivo è fare presto per provare a bruciare una concorrente decisamente importante e agguerrita. Tra i nomi rispunta anche quello di Joao Pedro, l’attaccante e capitano del Cagliari che non resterà in Serie B e che cerca di accasarsi nella massima serie. Anche per provare a riprendersi un posto nella Nazionale di Roberto Mancini. Sono molti i club che stanno provando a prendere l’italobrasiliano e l’affare non è certamente semplice, anche se il Torino è sicuramente tra le squadre più invitanti per il bomber. Insomma, un profilo che potrebbe essere adatto a sostituire il “Gallo” Belotti ormai diretto al Monaco.

GLI ALTRI NOMI
Difficile arrivare a Solet, dunque il Torino prova a cautelarsi anche con nomi che fanno piacere al tecnico Juric. Tra questi un suo “pupillo”, quel Marash Kumbulla che fece benissimo nel Verona targato dal tecnico attualmente in granata e non si è poi ripetuto con la maglia della Roma, che lo strappò ad una folta concorrenza di club che lo cercavano. Adesso ha poco mercato e deve rilanciarsi. La soluzione Torino potrebbe accontentare tutti. Ma resta un’alternativa ai nomi che sono emersi finora. Per il centrocampo è sempre forte la volontà di portare Giulio Maggiore a vestire la maglia granata. Il Torino è entrato in competizione con la Fiorentina, che vuole strapparlo allo Spezia già da qualche tempo. Ad ogni modo i liguri stanno cercando di fare di tutto per tenere il calciatore, o almeno monetizzare al massimo. Per adesso hanno rifiutato offerte dai viola da 6-7 milioni di euro. Ma chiaramente davanti a cifre più importanti vacillerebbero. Del resto il centrocampista è pronto a vestire una casacca diversa che punta ad obiettivi più importanti rispetto alla lotta per la salvezza.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo