cof
Cronaca
IN 200 IN PIAZZA

Torino, occupazioni Atc: scatta la protesta dei residenti sotto il Comune [LE FOTO]

Ad organizzare il presidio sono stati Fratelli d’Italia e il sindacato Assocasa: “Il sindaco applichi il protocollo firmato”

Duecento residenti delle case popolari hanno manifestato questa mattina sotto il Comune di Torino per protestare contro le occupazioni abusive degli alloggi Atc.Ad organizzare il presidio sono stati Fratelli d’Italia ed il sindacato Assocasa, chiedendo un intervento da parte dell’amministrazione comunale.“La situazione delle occupazioni abusive a Torino deve essere risolta e siamo scesi in piazza con i residenti per dirlo chiaro e forte” spiegano la parlamentare di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli e l’assessore della Regione Piemonte alle Politiche Sociali Maurizio Marrone. “Il protocollo firmato da Atc, Regione, Prefettura e Comune di Torino sugli sgomberi è vincolante in ogni sua parte – proseguono Montaruli e Marrone – ed indica chiaramente il termine massimo di un mese entro il quale poi eseguire, senza scuse e ritardi, la liberazione delle case popolari illecitamente occupate per restituirle alle famiglie assegnatarie in emergenza abitativa. Il fatto che il Comune di Torino continui a non applicarlo è inaccettabile e rappresenta uno schiaffo ai cittadini onesti”.“Dal sindaco Lo Russo vogliamo una presa di posizione chiara e netta sul fenomeno delle occupazioni abusive. È finito il tempo dell’ambiguità – dichiara il referente del sindacato Assocasa Luca Maggia -. Bisogna scegliere se stare dalla parte della legalità o se continuare a fingere di non vedere un problema che colpisce i ceti della nostra società che dovrebbero essere maggiormente tutelati. Le occupazioni che tolgono le case alle persone che hanno davvero bisogno sono una violenza. E davanti alla violenza non si può stare fermi”.“Abbiamo già più volte denunciato la situazione – conclude il vice capogruppo di Fdi al Comune di Torino Enzo Liardo – è ora che le istituzioni facciano rispettare le regole”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo