Se ne va uno dei maestri degli studi linguistici e letterari italiani dell'ultimo mezzo secolo

Torino a lutto, è morto lo storico e critico letterario Bàrberi Squarotti

La notizia della scomparsa è stata diffusa dalla Fondazione Bottari Lattes, di cui il professore era presidente onorario

Giorgio Bàrberi Squarotti

Addio allo storico e critico della letteratura Giorgio Bàrberi Squarotti, uno dei maestri degli studi linguistici e letterari italiani dell’ultimo mezzo secolo, docente universitario illustre e poeta, oltre che autore di manuali scolastici a lungo adottati nei licei. Il professore è morto ieri a Torino all’età di 87 anni. La notizia della scomparsa è stata diffusa dalla Fondazione Bottari Lattes, di cui Bàrberi Squarotti era presidente onorario, dopo essere stato presidente della giuria tecnica del Premio Bottari Lattes Grinzane (2011-2014) e membro del cda.

HA INSEGNATO LETTERATURA A TORINO
Allievo di Giovanni Getto, nel 1952 Giorgio Bàrberi Squarotti si laureò con una tesi sull’opera di Giordano Bruno e dal 1967 al 1999 insegnò storia della letteratura italiana moderna e contemporanea nell’Università di Torino. Bàrberi Squarotti si è distinto per una intensa operosità di studioso, capace di spaziare da Dante a Machiavelli, da Tasso a Manzoni, da Verga a Gozzano, dedicando attenzione anche alla letteratura contemporanea.

RESPONSABILE DEL DIZIONARIO DELLA UTET
Con Angelo Jacomuzzi, il professore ha diretto “Letteratura e critica. Antologia della critica letteraria”, in due volumi presso D’Anna (prima edizione 1967) e “Critica dantesca: antologia di studi e letture del Novecento” (prima edizione 1970), testi scolastici che hanno segnato generazioni di studenti. Dopo la morte di Salvatore Battaglia diventò responsabile scientifico del “Grande dizionario della lingua italiana” dell’Utet.

FONDO’ LA BIENNALE DI POESIA DI ALESSANDRIA
Nel 1981 insieme con Gian Luigi Beccaria, Marziano Guglielminetti e Giorgio Caproni fondò la Biennale di Poesia di Alessandria. Nel 2003 si aggiudicò il premio speciale della giuria del Mulinello con “Addio alla poesia del cuore”. E’ stato anche consigliere-fondatore della Fondazione Marino Piazzolla.

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single