EMERGENZA SICUREZZA

Torino, lite tra detenuti nel carcere minorile: ferito un agente

Lo riferisce il Sappe: "Ormai è un bollettino di guerra e le vittime sono sempre le stesse: le donne e gli uomini in divisa della polizia penitenziaria"

Il carcere minorile Ferrante Aporti di Torino

Un agente della polizia penitenziaria è stato ferito in seguito a una violenta lite tra due detenuti nel carcere minorile Ferrante Aporti di Torino. “E’ successo in tarda mattinata nell’aula tipografia-serigrafia. Un agente è intervenuto per ripristinare l’ordine all’interno della sezione cercando di dividere i due reclusi, ma è rimasto ferito e curato in ospedale” fa sapere Nicola Sette, segretario nazionale per il Piemonte del Sappe (sindacato autonomo polizia penitenziaria).

“Il prezzo che si continua a pagare è sempre più alto, tanto più che l’agente da solo vigilava su più posti di servizio – continua Sette -. Ormai è un bollettino di guerra e le vittime sono sempre le stesse: le donne e gli uomini in divisa della polizia penitenziaria! Occorrono interventi immediati e strutturali che restituiscano la giusta legalità al circuito penitenziario intervenendo in primis sul regime custodiale aperto”.

“Ogni giorno nelle carceri italiani succede qualcosa, ed è quasi diventato ordinario denunciare quel che accade tra le sbarre” aggiunge Donato Capece, segretario generale Sappe. “Altro che carcere umano e più sicuro, come prometteva il ministro della Giustizia Orlando: le carceri sono un colabrodo. Gli agenti devono andare al lavoro con la garanzia di non essere insultati, offesi o – peggio – aggrediti da una parte di popolazione detenuta che non ha alcun ritegno ad alterare in ogni modo la sicurezza e l’ordine interno”.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single