Rubano materiale didattico destinato alla Dad. Intercettati dalla polizia, finiscono in manette (foto di repertorio)
News
NOTTE DI FOLLIA

Torino, lite furibonda pusher-acquirenti all’ex Moi: un arresto e tre denunce

Tre ragazzi italiani, insoddisfatti dell’acquisto, pretendevano che lo spacciatore restituisse i soldi versati. Ma non è andata così e il litigio si è concluso con un incidente d’auto

Lite furibonda tra uno spacciatore e alcuni acquirenti in corso Giambone 71, nei pressi delle palazzine Ex Moi di Torino: il bilancio è di un arresto e tre denunce.

IL FATTO.

Tre ragazzi tra i 20 e i 29 anni, tutti italiani, avevano raggiunto un pusher di fiducia, un 32enne ghanese, per comprare circa 100 grammi di marijuana. Non avendo i 650 euro richiesti, speravano di ottenere una forma di credito dallo spacciatore, in quanto clienti abituali. Alla consegna della merce, uno dei ragazzi ha notato che la marijuana era bagnata e quindi i tre pretendevano la restituzione dei 160 euro già consegnati.

Nel corso della lite, il pusher ha provato a riprendersi la droga con la forza tanto da rompere il sacchetto in cui era contenuta, facendola così nell’abitacolo dell’auto.

A questo punto gli acquirenti si sono allontanati rapidamente in auto, ma il ghanese si è aggrappato al cofano puntando poi una pistola (in realtà era una scacciacani) contro i ragazzi. Dopo circa 100 metri la corsa del veicolo si è interrotta contro un’auto in sosta.

La polizia, intervenuta sul posto, ha arrestato il ghanese, che ha riportato lievi ferite alla caviglia e alla schiena, per detenzione e vendita di sostanza stupefacente e denunciato i tre giovani (che sono stati anche multati) per minacce aggravate.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo