TavTunnel
Economia
Doppia novità

Torino-Lione, via libera alle gare per il tunnel di base: l’UE stanzia 30 miliardi

La soddisfazione di Cirio e Gabusi: sull’opera risorse certe e attenzione del governo

Importanti aggiornamenti relativi alla ferrovia ad alta velocità Torino-Lione. È stato annunciato oggi, infatti, l’affidamento delle gare per lo scavo del tunnel di base in Francia e l’inserimento dell’opera tra quelle sostenute dall’Unione Europea attraverso uno stanziamento di 30 miliardi. Ecco la nota congiunta a riguardo del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Opere Pubbliche Marco Gabusi. 

“Assistiamo oggi a un ulteriore passo in avanti nella realizzazione della Torino-Lione, che abbiamo dichiarato ‘irreversibile’ fin dall’inizio del nostro mandato. Sono infatti arrivate a distanza di pochi minuti due notizie molto importanti per il proseguimento del progetto”, si legge nel comunicato.

“Da un lato, l’affidamento delle gare per lo scavo del tunnel di base in territorio francese per un valore di tre miliardi stimola tutti a non perdere nemmeno un giorno per concretizzare la stessa operazione sul versante italiano. Dall’altro lato l’Europa, inserisce la Tav tra le opere finanziabili con i fondi Cef da 30 miliardi per lo sviluppo di infrastrutture sostenibili e di elevata efficienza confermando così la bontà e la strategicità dell’opera”, proseguono Cirio e Gabusi.

“Poter contare su risorse economiche certe e sull’attenzione che finalmente anche il governo italiano sta ponendo sulla Torino-Lione, recentemente concretizzata con la nomina del Commissario di governo, da noi richiesto con insistenza ai vari Ministri dei Trasporti che si sono succeduti, ci fa guardare alla realizzazione dell’opera con maggiore serenità. Siamo felici – concludono i due esponenti della Regione Piemonte – di poter contare sull’appoggio concreto dell’Europa e continueremo a tenere alta la guardia affinché non vi siano più intoppi e l’iter possa procedere speditamente”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo