Fonte: Depositphotos
Cronaca
IL FATTO

Torino, donna aggredita da buttafuori: chiuso night club di San Salvario

Alcuni dipendenti del locale sanzionati inoltre perché privi di Green Pass

Gli agenti del Commissariato Barriera Nizza e della Divisione PAS hanno notificato il provvedimento di chiusura per 15 giorni ad un night club di via Galliari, nella zona di San Salvario a Torino.

UNA DONNA IN OSPEDALE DOPO AGGRESSIONE
Lo scorso 24 ottobre, infatti, era stata segnalata all’Ospedale Mauriziano la presenza di una donna, vittima di aggressione nel locale. Nel night club era infatti scoppiata una rissa nella quale la vittima era stata coinvolta ed aggredita da un “buttafuori”: per lei una prognosi di 30 giorni per fratture craniche con ematomi e falde emorragiche.

LA RICOSTRUZIONE DELLA RISSA
A seguito di attività d’indagine, gli agenti del Commissariato Barriera Nizza hanno ricostruito quanto accaduto. Un cliente molesto era stato bloccato da alcuni addetti alla sicurezza, da tale azione era nata la colluttazione. Nella circostanza la giovane donna era intervenuta chiedendo al “buttafuori” di “lasciar stare il soggetto molesto”, ma lì è stata colpita con un pugno e fatta cadere a terra, dove ha battuto la testa.

DENUNCIATO IL “BUTTAFUORI”
Il buttafuori è stato denunciato per lesioni, mentre è stato identificato l’uomo che aveva accompagnato in ospedale la vittima: un addetto antincendio dipendente della società proprietaria del night club, sanzionato amministrativamente per usurpazione di titolo essendosi qualificato come Vigile del Fuoco pur non facendo parte del Corpo. All’uomo viene anche sequestrata la placca mostrata nella circostanza.

SANZIONATI DIPENDENTI SENZA GREEN PASS
All’atto della notifica del provvedimento, gli agenti hanno anche riscontrato la presenza all’interno del locale di due lavoranti, il barman e una ballerina, privi del green pass, entrambi sono stati sanzionati per 600 euro. La titolare dell’esercizio, invece, è stata sanzionata per 400 euro per aver permesso ai due dipendenti di accedere al luogo di lavoro.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo