Le cantanti dell'Harlem Gospel Choir
Spettacolo Tempo Libero
Ritmo, colori, voci e tanto amore per la fede e la solidarietà

Torino balla e canta al teatro Colosseo con il più famoso coro gospel d’America

L’Harlem Gospel Choir ha cantato per i grandi della terra, da Obama a Mandela. Stasera (a partire dalle 21) si esibirà all’ombra della Mole

E’ uno spettacolo allo stato puro per le orecchie e il cuore: “Sings an hommage to Beyonce” è dedicato agli amanti della musica Gospel. Grinta e tutto il meglio del gospel internazionale sono gli ingredienti del concerto in programma stasera con l’Harlem Gospel Choir, al teatro Colosseo, alle ore 21.

CORO GOSPEL D’AMERICA A TORINO
Torino balla e canta con il più famoso coro gospel d’America, uno dei più longevi e ne è orgogliosa la nostra città, perché anche questa volta sarà un successo di pubblico e di entusiasmo. Parola delle artiste dell’Harlem Gospel Choir.

RITMO, COLORI E VOCI
Ritmo, colori, voci in grado di emozionare dalla punta del capello ai piedi e tanto amore per la fede e la solidarietà. L’appuntamento è tutto per stasera.  Ma chi sono gli artisti dell’Harlem Gospel Choir? Vediamoli da vicino.

ECCO CHI SONO GLI ARTISTI DEL CORO
Dal 1986, Allen Bailey e il suo coro, formato dalle più belle voci di Harlem e New York City, gira il mondo condividendo con il pubblico la gioia nella fede e raccogliendo fondi da devolvere in opere di bene.  In oltre 25 anni di grandiosa carriera gli Harlem Gospel Choir hanno sempre cercato di oltrepassare barriere culturali unendo nazioni e persone, provando a dare sempre qualcosa in cambio, anche se questo sia semplicemente stato un piccolo sorriso.

HANNO CANTATO PER TUTTI I GRANDI
Il Coro ha cantato per il presidente Obama, la famiglia reale inglese, Nelson Mandela, Elton John, due Papi e all’International broadcast memorial per Michael Jackson. Vere e proprie superstars hanno inoltre voluto collaborare con loro: da Andre Rieu a Diana Ross, da Bono ai Chieftains, da Lyle Lovett a Josh Groban ai Gorillaz.

Info: www.teatrocolosseo.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo