albanese
Spettacolo
TELEVISIONE

“I Topi” di Albanese tra fiction e realtà

Da oggi su RaiPlay la seconda stagione della serie interamente girata a Torino

Se ad affascinare il pubblico durante la prima stagione di “I Topi” è stata la surreale realtà scritta e interpretata da Antonio Albanese nei panni del latitante segregato a casa sua, oggi sarà certamente la sorta di effetto catartico che questa serie susciterà nei telespettatori a loro volta chiusi fra le pareti domestiche per via del coronavirus. Non poteva scegliere momento migliore la Rai per mandare in onda la seconda stagione della bella sitcom (prodotta da Rai Fiction insieme con Wildside, la stessa di “The young Pope” e di “The new Pope” di Paolo Sorrentino) interamente girata a Torino, la quale debutterà questa sera su RaiPlay e dal 18 aprile su Raitre.

Il momento perfetto per tornare a ridere con la strampalata vicenda di Sebastiano il mafioso, della sua famiglia, del suo “collaboratore” U Stortu, di Zio Vinenzo e di Betta. E questa volta ci sarà di più dato che, come afferma il direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta: «Abbiamo voluto rafforzare con una nuova densità di intrecci e di approfondimento dei legami famigliari, Carmen che resta incinta, Sebastiano roso dalla gelosia per Betta, e costretto a un’operazione».

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo