don matteo
Spettacolo
DA SPOLETO. Ecco il saluto commovente di tutto il cast

Terence Hill dice addio a “Don Matteo”, da oggi sul set c’è Raoul Bova

L’attore di “Ultimo” adesso è conteso da Rai e Mediaset: troppi impegni. E “Giustizia per tutti 2” partirà in ritardo

Addio “Don Matteo”. Dopo 20 anni, 13 edizioni, 250 episodi, Terence Hill ha salutato nei giorni scorsi il set della serie prodotta dalla Lux Vide di Luca e Matilde Bernabei per Raifiction con un commovente abbraccio da parte di tutto il cast. Un momento che ha significato anche il passaggio di consegne da parte di Terence Hill, al suo ultimo ciak, nella chiesa di Santa Eufemia, nei confronti di Raoul Bova che, infatti, proprio questa mattina inizierà a Spoleto le riprese nei panni di Don Massimo. Sarà il bell’attore di Roma il nuovo protagonista di “Don Matteo” per uno dei colpi di scena televisivi più incisivi della stagione in corso e che, a quanto pare, sta facendo discutere molto. Almeno nei piani alti di Viale Mazzini e degli uffici Mediaset dove la notizia del passaggio di Bova in Rai sembra non sia stata presa proprio a cuor leggero. Il motivo è semplice. Si teme che gli impegni assidui di Bova sul set di “Don Matteo” possano andare ad accavallarsi con quelli di “Buongiorno mamma! 2” e, ancora di più, di “Giustizia per tutti 2”, la fiction thriller girata interamente a Torino la cui prima serie andrà in onda a breve su Canale 5. Detto che l’attore di “Ultimo” ha garantito la puntualità sull’inizio delle riprese di “Buongiorno mamma”, sembra, invece, che per quanto riguarda “Giustizia per tutti” sia stato costretto a rinviare l’inizio a settembre 2022 o giù di lì. In sostanza, Raoul Bova sarà il volto di Rai e Mediaset ma toccherà proprio a Torino pagare il prezzo più alto mettendosi “in lista d’attesa”. Intanto, tornando a Terence Hill, l’intero cast di questi lunghi 20 anni ha voluto rendergli omaggio.

Oltre l’abbraccio della troupe al completo presente a Spoleto, infatti, sono giunti i video messaggi dei colleghi più stretti, Flavio Insinna, Nino Frassica e Luca Argentero: «Caro Terence, da Doc a Don, un grandissimo abbraccio e grazie per tutti questi anni di sorrisi e di divertimento», ha detto commosso l’attore torinese. Molto sentite anche le parole della produzione al loro personaggio più amato: «È in questa occasione che vogliamo semplicemente dire grazie: grazie a Terence Hill per la dedizione e la fedeltà con cui ha prestato il suo “mito” ad un personaggio che è entrato per 20 anni con gentilezza nelle case di tutti gli italiani, dando sempre una parola di speranza. Grazie per l’umiltà con cui lui stesso ha sempre ringraziato tutti per il lavoro fatto, segno della grandezza della sua persona. Un uomo intelligente e umile che ha sempre messo al centro il lavoro di squadra e il suo amore per Don Matteo».

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo