pistola grattacielo intesa
Cronaca
CORSO INGHILTERRA

Tentano di scalare il grattacielo: fermati da una pistola spianata

In un video dello scorso 27 marzo la bravata di tre giovani

Volevano scalare il grattacielo Intesa Sanpaolo a mani nude. Probabilmente pensavano che il pericolo più grosso fosse quello di precipitare e invece è stato quello di farsi sparare.

Su YouTube è comparso ieri il video della fallita scalata al grattacielo di corso Inghilterra dello scorso 27 marzo. Una bravata che era già finita sui giornali a causa dell’intervento dei carabinieri e della precipitosa fuga dei tre “urban climber”, come vengono chiamati coloro che si dedicano a questo tipo di “imprese”, piuttosto diffuse all’estero. E infatti, si è scoperto ora, a tentare la scalata sono stati due francesi e un inglese: Leo, Adam e Alexis. Come già si era immaginato due settimane fa, l’obiettivo era quello di registrare un video da condividere sui social. E ieri si è avuta la conferma: con loro c’era anche lo youtuber Emalloru, che ha condiviso proprio quel video sul suo canale che conta 260mila iscritti. Il filmato, di circa 17 minuti, mostra prima la preparazione del tentativo, con tanto di sopralluoghi, e poi quanto è avvenuto quel giorno. Come si vede nelle immagini, gli “scalatori” sono riusciti ad arrampicarsi sulla facciata del grattacielo ma la loro salita è terminata ben prima di raggiungere i 166 metri del tetto. Infatti, a un certo punto i tre sono passati su una rampa di scale interna e qui si sono trovati di fronte una delle guardie giurate che vigilano sulla sicurezza del grattacielo che li ha “accolti” con la pistola spianata. A quel punto ovviamente i tre giovani hanno rinunciato alla loro idea, hanno alzato le mani e si sono rassegnati a seguire la guardia fino al pian terreno. Qui, quando gli sono stati chiesti i documenti, hanno approfittato di un momento di distrazione delle guardie e si sono dati a una precipitosa fuga, questa volta in orizzontale e non in verticale, riuscendo ad allontanarsi prima dell’arrivo dei carabinieri.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo