La betoniera con la quale l'uomo ha tentato di investire i rom
News
E’ accaduto in strada della Berlia a Collegno

Tenta di investire i rom con la betoniera: arrestato per tentato omicidio [LE FOTO]

L’uomo, 55 anni, era convinto che i nomadi gli avessero rubato l’auto

Ha cercato di investire con una betoniera i nomadi del campo rom di Collegno, alle porte di Torino, accusati di avergli rubato l’auto. In realtà a portargli via la vettura era stato il complice che, poco prima in sua compagnia, per motivi ancora da accertare, si era recato nell’accampamento di strada della Berlia.

E’ STATO LUI A CHIAMARE I CARABINIERI
L’uomo alla guida della betoniera, Pasquale D., 55 anni, residente a Torino, è stato arrestato dai carabinieri e posto ai domiciliari con l’accusa di tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e porto di armi e oggetti atti ad offendere. E’ stato lui, per la verità, a chiamare i militari avvisandoli che era pronto ad entrare nel campo al volante del suo camion per investire quelli che, pensava, gli avevano trafugato la macchina, parcheggiata, poco distante dall’accampamento.

MANOVRE PERICOLOSE ALLA GUIDA DEL MEZZO
L’immediato intervento dei carabinieri delle stazioni di Rivoli, Collegno e Grugliasco, ha consentito di acclarare che l’uomo effettivamente si trovava alla guida del mezzo pesante e che stava effettuando manovre sconsiderate in prossimità del campo. I militari sono riusciti a bloccarlo e a farlo scendere dal camion solo dopo svariati minuti.

UNA VICENDA DAI CONTORNI POCO CHIARI
In realtà i fatti erano andati diversamente rispetto a quanto l’uomo aveva riferito, poc’anzi, ai carabinieri e per certi versi hanno ancora parecchi aspetti da chiarire. Gli investigatori hanno infatti accertato che nemmeno due ore prima del “fattaccio”, il 55enne si era presentato nel campo nomadi di Collegno a bordo della sua autovettura accompagnato da un’altra persona, C.C., un operaio 43enne con alle spalle alcuni precedenti di polizia. Cosa ci fossero andati a fare i due in quel posto, questo toccherà ai carabinieri appurarlo.

ERA STATO IL COMPLICE A PRENDERE L’AUTO
Fatto sta, di punto in bianco, nel campo è scoppiata una breve colluttazione tra i residenti e la coppia di ospiti (senza lesioni per alcuno). E’ stato in questo frangente che, impaurito, C.C. si è dato alla fuga, fuggendo con l’auto dell’amico. Non vedendo più la macchina, Pasquale D. ha evidentemente temuto che gli fosse stata rubata dai nomadi. Da qui la decisione di farsi vendetta da solo, mettendosi al volante della betoniera.

NELL’AUTO C’ERA UNA SCACCIACANI
Il 55enne è stato intercettato e infine fermato dai carabinieri nei pressi del campo rom di Collegno. Nei guai è finito anche il complice, denunciato per porto di armi od oggetti atti ad offendere. Sotto il sedile dell’auto, ritrovata sotto l’abitazione del 43enne a Torino, i militari hanno infatti rinvenuto una pistola scacciacani.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo