ChezJesus
Cronaca
Dieci le persone identificate dai carabinieri

Tensione a Claviere, urla e spintoni tra residenti e attivisti di Chez Jesus

L’esposizione di una bandiera su un palo pericolante al di fuori dello spazio autogestito ha riscaldato gli animi

Urla, insulti, spintoni. Momenti di tensione a Claviere davanti alla sede di Chez Jesus, l’associazione messa in piedi da anarchici e antagonisti per aiutare i richiedenti asilo, e un gruppo di residenti che si sono spinti fin davanti alla parrocchia dopo l’esposizione di una bandiera su un palo pericolante, al di fuori dello spazio autogestito.

La discussione che ne è scaturita ha generato una rissa che ha visto coinvolte una decina di persone, che sono state poi identificate dai carabinieri della locale stazione. Nessuno ha sporto querela, ma la situazione resta incandescente.

“Stiamo lavorando perché la convivenza diventi facile e perché non ci siano momenti di attrito”, è la laconica dichiarazione del sindaco Franco Capra, riportata dall’Ansa. “L’obiettivo comune è l’abbattimento delle frontiere”.

Intanto Chez Jesus, su Facebook, sottolinea: “La gendarmerie ha fermato, praticamente ancora in territorio italiano, quattro ragazzi che cercavano di arrivare in Francia. Le loro strategie intimidatorie non ci sorprendono e non rimarranno nel silenzi della montagna. Le loro frontiere continueranno ad essere bucate”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo