area Parri
Cronaca
SAN SALVARIO

Telecamere, scuole e luci a led per la rinascita dell’area Parri

L’area tra le vie Ormea, Giuria, Petitti e Tiziano sarà oggetto di un restyling

L’allestimento di nuove telecamere di videosorveglianza, un impianto di illuminazione pubblica a led, l’abbattimento e la ricostruzione della scuola materna “Massimo d’Azeglio”. Partirà da questi tre punti il piano di rilancio dell’area compresa tra le vie Ormea, Giuria, Petitti e Tiziano e conosciuta a tutti come “Parri”. Un angolo di territorio dove si concentrano numerosi servizi alla collettività: la piscina comunale, il centro sportivo, Casa Garibaldi, gli Asili Notturni, il liceo Vittorio Alfieri. Il tutto corredato da una pedonalizzazione utilizzata per attività extrascolastiche e sportive e alla realizzazione di una nuova area cani e di una nuova area giochi dedicata ai bimbi più piccoli.

Restituire dignità
«Negli ultimi cinque anni di consiliatura – spiega il vicepresidente della Circoscrizione 8, Massimiliano Miano -, abbiamo lavorato in collaborazione con la Città, per restituire dignità ai luoghi e ai propri residenti». I problemi, infatti, non mancano. A cominciare dalla questione spaccio e micro-criminalità che aleggia intorno la vecchia materna abbandonata. «I residenti – conclude Miano -, avvertono la necessità di più sicurezza, di più tranquillità. E saranno necessari le telecamere e le luci a led per mettere all’angolo il degrado».

Soldi per la scuola
Il progetto per la costruzione di un polo dell’infanzia per la fascia di età dai 0 ai 6 anni sarà finanziato dal ministero dell’Istruzione. La Città, infatti, è stata inserita nella graduatoria degli enti beneficiari del finanziamento per un importo pari a 6 milioni di euro (comprensivo di un secondo intervento in via Verolengo). L’asilo color rosso mattone di via Giuria, a rischio crollo, fu dichiarato inagibile nel 2014. Per sette anni è stato un vero fortino del degrado, macchia indelebile del quartiere San Salvario a causa di quel continuo via vai di loschi individui a tutte le ore del giorno e soprattutto della notte. I pusher e i senzatetto sono riusciti a entrare nelle casette, trasformandole in dormitorio di fortuna. Un edificio che al proprio interno contiene anche migliaia di documenti facenti parte dell’archivio della Città. Un problema che verrà cancellato tra ottobre e novembre con lo smantellamento e a seguire la ricostruzione di una nuova scuola d’infanzia.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo