Tav, Giorgia Meloni (nella foto) a Torino per il lancio del referendum promosso da FdI
News
Alta velocità

Tav, Meloni a Torino per lanciare il referendum di FdI: già depositate 2mila firme in Comune

L’appello di Marrone e Montaruli al presidente Versaci per “costituire al più presto la Commissione referendaria”

Sono già oltre 2.000 le firme per il referendum pro Tav raccolte da Fratelli d’Italia e già depositate in Comune a Torino, dopo il lancio dell’iniziativa sabato scorso alla manifestazione “Sì, Torino va avanti”.

L’APPELLO DI MARRONE E MONTARULI
FdI sollecita il presidente del Consiglio comunale Fabio Versaci “a costituire al più presto la Commissione referendaria così da consentire l’audizione del nostro Comitato promotore per la titolazione sintetica del referendum propositivo”, sottolineano Maurizio Marrone, dirigente nazionale del partito, e Augusta Montaruli, parlamentare torinese, promotori dell’iniziativa insieme ad altri dieci cittadini torinesi.

LE DIFFERENZE CON LA PETIZIONE DEI RADICALI
“Una bella differenza – dicono – con la petizione dei Radicali che chiede alla maggioranza grillina No Tav in Consiglio di deliberare un referendum consultivo, molto verosimilmente già cestinata prima ancora della formale presentazione. Il nostro referendum propositivo – aggiungono – che esige la prosecuzione senza interruzioni dei lavori è la continuazione pratica e pragmatica dell’appello lanciato da decine di migliaia di torinesi sabato e si farà, che piaccia o no ad Appendino e ai suoi consiglieri”.

MELONI A TORINO PER IL REFERENDUM
Per sostenere il referendum sarà presente oggi pomeriggio a Torino anche Giorgia Meloni, al termine del tour dei distretti produttivi industriali piemontesi.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo