Chiara Appendino
News
La precisazione: “Non è vero che ho detto di no alle Olimpiadi”

Tav, Appendino: “Bene l’analisi costi-benefici, ma si faccia in fretta”

La sindaca di Torino a ‘Porta a Porta’: “Siamo ancora in tempo a fermare l’opera”

Chiara Appendino sta con il governo e lo ribadisce dagli studi di Porta a Porta, ospite di Bruno Vespa nella trasmissione in onda in seconda serata su Rai Uno. “Bene fare un’analisi costi-benefici della Tav e condividerla, ma se posso fare un appello è: fare in fretta”, dice la sindaca di Torino.

“Giusto fare un percorso, ma poi è giusto decidere. Il tunnel di base non è ancora iniziato, l’opera non è fatta e se c’è una possibilità di bloccare l’opera senza un impatto, con maggiori benefici rispetto ai costi, credo sia giusto spostare gli investimenti, perché credo che oggi le priorità siano altre”, le opinioni espresse nel corso del dibattimento.

“In una materia complessa come il Tav ci deve essere spazio al confronto. Un governo che sta facendo un’analisi sull’opera sta aprendo le porte e in tutti gli anni in cui io ho manifestato per le ragioni del ‘no’ questo sentimento di apertura non c’è stato. La necessita’ oggi è creare un dibattito nel merito. Mi dispiace che in questi anni si sia voluta dare un’immagine del No Tav come una persona disinformata, contro lo sviluppo, non è questo. Il mio auspicio da sindaco è che le risorse possano essere investite sul territorio piemontese”.

Quindi una precisazione sulla candidatura di Torino alle Olimpiadi Invernali del 2026: “Non è vero che io ho detto di no, abbiamo fatto un percorso con una dialettica interna forte e il consiglio comunale ha detto di sì. Avevamo tutte le carte in regola, non ci sarebbe stata da costruire neanche una strada. Poi è nato questo modello a tre ed è successo quello che è successo”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo