La protesta dei tassisti a Torino
News
Proteste in tutta Italia

TASSISTI IN RIVOLTA. Presidio a Palazzo Civico contro la sanatoria pro Uber: “Pronti alla lotta” LE FOTO

Decine di taxi sotto la sede del Comune. Domani il Senato si esprimerà sul temuto dl milleproroghe

Alzano ancora una volta la voce, i tassisti, che si oppongono con veemenza alla “sanatoria pro Uber”. Decine di taxi hanno invaso e presidiato questa mattina, dalle 9 alle 13, l’area davanti a Palazzo Civico, sede del Comune di Torino.

La protesta va in scena il giorno prima del voto in Senato sul dl milleproroghe, che contiene l’emendamento che di fatto apre a multinazionali come Uber. Quanto successo nel capoluogo piemontese, si è ripetuto anche in tante altre piazze italiane. Ma le speranze che le loro richieste portino a un cambiamento last minute sembrano davvero minime.

Lo conferma Federico Rolando, portavoce nazionale di Federtaxi: “Il margine di ripensamento è risibile. E ciò potrebbe aprire panorami prossimi di lotta, che verranno stabiliti durante l’assemblea di categoria prevista per il 22 a Roma, prima del passaggio definitivo in Parlamento. I tassisti aspettano da settembre 2015 il promesso tavolo sulla legge delega concordato con il governo”.

SOLIDARIETA’ DALLA LEGA NORD. Così Alessandro Benvenuto, consigliere regionale e segretario provinciale del Carroccio torinese, sulla contestazione dei tassisti di questa mattina davanti al Comune di Torino: “La Lega Nord condivide in tutto e per tutto la protesta dei tassisti e si schiera al loro fianco contro la sanatoria in favore di Uber, contenuta nel ddl milleproroghe. Ma la solidarietà del nostro Movimento non basta a risolvere una questione che definire spinosa è riduttivo. Ci aspettiamo che la Regione prenda velocemente una posizione in merito e difenda a spada tratta l’intera categoria, com’è giusto che sia”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo