Fuga nei giorni scorsi dagli aeroporti della Gran Bretagna
Cronaca
L’EMERGENZA Il nuovo Covid è già arrivato in Italia

Tamponi a 5mila persone atterrate dall’Inghilterra: il virus mutato fa paura

Corsa dei laboratori piemontesi per attrezzarsi e individuarlo: già cinque nuovi casi. La terza ondata viene da oltre Manica

Dopo il paziente zero individuato a Roma, affetto da virus Covid-Sars nella sua variante inglese, altri casi potrebbero emergere, già nelle prossime ore, in Italia e in Piemonte. Sono in corso tamponi a tappeto che vengono effettuati a tutti coloro che hanno raggiunto la regione dal 15 di dicembre ad oggi. Un totale di 1.837 passeggeri di voli provenienti dalla Gran Bretagna, di cui più di 600 già sarebbero stati sottoposti al test. Anticipare il virus, almeno in questa sua nuova variante, significa procedere ad uno screening di massa, anche tra i contatti dei passeggeri tornati in Italia, non solo quelli arrivati a Caselle, ma anche i viaggiatori atterrati dalla metà del mese, anche a Malpensa o a Bergamo Orio Alserio, per un totale che potrebbe aggirarsi attorno alle 5mila unità. Il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), in un rapporto pubblicato ieri sul suo sito spiega: «Le autorità sanitarie pubbliche e i laboratori di tutti i Paesi europei devono analizzare i virus isolati in modo tempestivo per identificare i casi della nuova variante. Va identificato immediatamente chi ha avuto contatti con persone positive alla nuova mutazione o ha viaggiato nelle aree colpite, in modo da testarli, isolarli e tracciare i loro contatti».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo