LA DENUNCIA

«Con i tagli alle ambulanze a rischio anche i soccorsi»

La regione dimezza le risorse per le associazioni di volontariato

La rete del 118 è complessa e per alcuni servizi, in provincia e nelle periferie della città, utilizza «il benemerito aiuto di Croci locali», altrimenti dette «ambulanze estemporanee», cioè di ambulanze di piccole associazioni di volontariato che, in alcuni casi, si sono rivelate decisive anche per servizi straordinari in città dove il numero delle medicalizzate del 118 è insufficiente. Basta pensare alla “Pubblica assistenza Croce Reale di Venaria”, associata al consorzio Ares, che in due anni ha eseguito ben 15mila servizi.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single