Il fatto risale al 2013

Svela“segreti”al vicino di casa: 2 anni e 2 mesi a un carabiniere

Si era informato sull’iter di alcune denunce presentate dalla moglie

Tentata rivelazione di segreti d’ufficio, un carabiniere di Corio condannato a due anni e due mesi per aver svelato dati riservati ad un vicino di casa. Si è concluso ieri al tribunale di Ivrea il processo nei confronti di Raimondo Marrocu, 56 anni, nel 2013 in servizio alla caserma di Corio, difeso dall’avvocato Leo Davoli.

Secondo quanto è stato ricostruito in aula, l’imputato avrebbe favorito un suo amico e vicino di casa nonché coimputato nello stesso procedimento per i reati di ricettazione e possesso di armi abusivo, tale Fatmir Ara, 39 anni di nazionalità albanese, e condannato a tre anni con rito abbreviato.

In quel periodo, come l’accusa ha sostenuto, la compagna di Fatmir aveva sporto diverse denunce per maltrattamenti e percosse.

La donna, inoltre, aveva denunciato anche il brutto giro nel quale il marito bazzicava e delle armi presenti in casa. Fatmir avrebbe così chiesto a Marrocu di verificare l’andamento delle denunce.

Il carabiniere aveva fatto un paio di telefonate a colleghi per informarsi, questi ultimi però si erano rifiutati di fornirgliele ricordando le procedure.

Alla fine Marrocu avrebbe anche consultato una banca dati per fornire le notizie richieste dal Fatmir, ovvero se esistevano denunce o carichi pendenti nei confronti dell’amico. Un’attività che non era passata inosservata e che alla fine è finita in un’indagine della Procura di Ivrea nei confronti del Marrocu.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single