L'istituto Olivetti di Ivrea
Cronaca
IL FATTO

Studenti al freddo, la Città Metropolitana interviene all’Olivetti di Ivrea e al Newton di Chivasso

Gli alunni dei due istituti avevano protestato in seguito ai problemi legati al funzionamento dei riscaldamenti

Dopo le proteste degli studenti dell’Olivetti di Ivrea e del Newton di Chivasso per i problemi ai riscaldamenti che hanno reso le aule gelide, la Città metropolitana di Torino fa sapere che in entrambi gli istituti si sta intervenendo per risolvere i malfunzionamenti.

All’Olivetti è in corso “importante intervento di manutenzione a uno dei due generatori di calore che compongono, uno a supporto dell’altro, l’impianto di riscaldamento della scuola. Tale manutenzione consiste nel rifacimento dei voltini di refrattario di cui è costituita la camera di combustione, e si prevede che sarà completata entro la fine di questa settimana, ma la messa in esercizio del generatore riparato avverrà soltanto dopo un periodo di asciugatura dei manufatti, presumibilmente entro la giornata del 9 marzo. Per evitare che si ripeta l’inconveniente di lunedì scorso, si è provveduto al momentaneo approvvigionamento di un generatore di calore suppletivo, funzionante a gasolio, in grado di entrare immediatamente in esercizio nel caso in cui si fermi nuovamente il secondo generatore dell’impianto dell’edificio scolastico”.

Al Newton, che è servito dal teleriscaldamento, oggi si è verificato un sensibile abbassamento di temperatura in tre o quattro aule a causa di una perdita d’acqua per la rottura di una tubazione dell’impianto di riscaldamento e dell’intasamento di uno scambiatore di calore. “Anche in questo caso il problema è sotto controllo: la tubazione è già stata riparata e che la pulizia dello scambiatore procede e sarà terminata entro oggi”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo