News
Operazione Adventure a Torino

Stroncato giro di moto rubate e droga: 7 arresti e due obblighi di firma

Decine i furti denunciati. I pezzi di ricambio finivano in una rivendita di Collegno. La “roba” in un noto ristorante di Venaria Reale

Si è conclusa con sette arresti e due obblighi di firma l’operazione “Adventure” della questura di Torino, che ha stroncato un giro di droga e moto rubate. Due persone sono state ammanettate in flagranza di reato, in un capannone industriale alle porte del capoluogo piemontese dove veniva coltivata marijuana e dove sono state scoperte serre contenenti 3.300 piantine.

RUBATE DECINE DI MOTO
L’indagine è partita dalle decine di denunce di furto di moto Bmw Gs 1000 e 1.200 Adventure. E’ emerso che a gestire un traffico di pezzi di ricambio delle Bmw in una rivendita di Collegno (Torino) era G.F., trentenne di Venaria Reale (Torino), agli arresti domiciliari, con permesso di recarsi al lavoro presso la rivendita di moto.

VENDEVANO DROGA IN UN RINOMATO RISTORANTE
Il trentenne aveva inoltre organizzato con uno chef di un rinomato ristorante di Venaria Reale e con il cognato un traffico di hashish e marjuiana, quest’ultima coltivata in un capannone industriale di Collegno e in un magazzino a Buttigliera Alta.

DENUNCIATE 13 PERSONE
Le indagini, coordinate dal pm Eugenia Ghi, hanno portato alla denuncia di 13 persone, accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico e alla detenzione di droga ai fini di spaccio.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo