concerti orchestra rai
Spettacolo
PRIMAVERA-ESTATE

Stravinskij e i Nirvana: per l’Orchestra Rai un cartellone più Pop

Si parte venerdì 9 aprile fino ad arrivare al prossimo 1° luglio: grandi nomi in cartellone, sperando di riaprire al pubblico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

I grandi nomi non mancano: da Fabio Luisi a Stefano Bollani, da Daniele Gatti a Giovanni Sollima, da Ottavio Dantone a Renaud Capuçon e ancora Alexander Malofeev, Pablo Ferrández, Anna Caterina Antonacci. Mancherà invece il pubblico, quello sì, almeno nella fase iniziale. Ma l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai comunque non si ferma e fissa il primo appuntamento dei “Concerti di primavera-estate” a venerdì 9 aprile. Di lì ne seguiranno altri 13, fino al 1° luglio, più 3 concerti di musica da camera. Saranno tutti in diretta su Radio Rai3 e in live streaming sul portale Rai Cultura alle ore 20. Alcuni approderanno anche sul piccolo schermo, su Rai 5. «Ci siamo sforzati di non interrompere la nostra offerta di concerti dal vivo – sottolinea il direttore artistico dell’Osn Ernesto Schiavi -, che abbiamo potuto portare a tutti anche con i teatri chiusi». E per gli eventuali concerti in presenza del pubblico, «appena possibile comunicheremo modalità di accesso e di acquisto dei biglietti» assicurano dall’Auditorium Rai.

Si inizierà con Stravinskij e si terminerà sulle note dei Nirvana dei Radioheads, di Frank Zappa, di Duke Ellington, Keith Emerson, Janis Joplin, Wynton Marsalis. Una novità per il repertorio dell’Orchestra di piazza Rossaro. «Per salutare il nostro pubblico prima della pausa estiva – è ancora il direttore Schiavi -, abbiamo scelto di chiudere i concerti con “Rai Orchestra Pops”, un inusuale programma che mette a confronto e in relazione diversi mondi musicali e diversi sviluppi della musica dei nostri giorni. Il tutto presentato da interpreti di primissimo piano come Nicola Benedetti, dedicataria e interprete del concerto per violino di Marsalis, Alessandro Taverna, che suonerà il concerto di Emerson, e Giovanni Sollima, con tutta la sua strabordante fantasia».

Ad inaugurare il cartellone venerdì prossimo sarà la bacchetta di Ottavio Dantone, protagonista anche del concerto del 15 aprile. Due anche i concerti diretti da Daniele Gatti, quelli del 22 e 29 aprile, che proporrà l’integrale delle Sinfonie di Brahms. Il 6 maggio Fabio Luisi con il giovanissimo pianista russo Alexander Malofeev eseguirà il Primo Concerto di Franz Liszt e la Quarta Sinfonia di Bruckner. Ci sarà anche un omaggio a Dante e a Stravinskij. Lo farà il direttore Aziz Shokhakimov rispettivamente nei concerti del 13 e del 15 maggio (spettacolo, quest’ultimo, realizzato in collaborazione con il Teatro Ragazzi). Molto atteso anche il “Concerto azzurro” di Stefano Bollani del 20 maggio, seguito il 27 da quello con il soprano Anna Caterina Antonacci e il direttore Maxime Pascal, mentre il 3 giugno il direttore Michele Mariotti e il violinista Renaud Capuçon spazieranno da Mendelssohn a Sibelius . E infine il ciclo pop con i concerti del 10 giugno con Ryan McAdams e il pianista Alessandro Taverna, del 17 con John Axelrod ,del 23 di nuovo con Ryan McAdams e il violoncello di Giovanni Sollima e il 1° luglio con John Axelrod e la violinista Nicola Benedetti. Si terranno invece nelle domeniche del 2 e 30 maggio e del 6 giugno (ore 10,30) i concerti cameristici con i gruppi dell’Osn.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo