jeep schianto tangenziale
Cronaca
RIVOLI

Strage sfiorata in tangenziale: caos per colpa di un ubriaco

Denunciato un 27enne di Rivalta a cui è stata ritirata la patente. Tre feriti in ospedale

Era ubriaco uno degli automobilisti protagonisti di un tamponamento avvenuto nella notte di lunedì, attorno all’una, lungo la tangenziale, in direzione sud, all’altezza dell’uscita di corso Francia, a RivoliSi tratta di un 27enne di Rivalta, al quale la polizia Stradale ha ritirato la patente oltre a denunciarlo per guida in stato di ebbrezza, sequestrandogli pure il mezzo, nonostante sia in gran parte distrutto a seguito dell’impatto. A scontrarsi, per cause in fase di accertamento, una Jeep e una Fiat Panda. Il bilancio è di tre feriti: sono andati in ospedale accompagnati da amici e non in ambulanza, visto che hanno rifiutato il trasporto con un mezzo di soccorso. Nessuno di loro, per fortuna, ha riportato gravi conseguenze: solo qualche escoriazione e traumi di lieve entità. A bordo della Panda due fratelli: un uomo di 30 anni e una donna di 24 anni, entrambi musicisti, residenti a Rivalta: gli strumenti sono andati tutti distrutti proprio a seguito del tamponamento. L’uomo finito nei guai, invece, era alla guida della Jeep. A seguito dell’impatto, per un’ora abbondante, è stata istituita l’uscita obbligatoria in corso Francia: vista l’ora, i disagi dal punto di vista del traffico veicolare sono stati piuttosto contenuti. Sul posto sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco, per mettere in sicurezza la Panda: essendo alimentata Gpl, i pompieri avevano paura potesse esplodere. È il secondo caso in poche ore di persone alla guida in stato di ebbrezza. Il precedente è quello di sabato, sempre a Rivoli, dove un 53enne di Venaria è stato denunciato, con patente ritirata e sequestro del mezzo, dopo un incidente autonomo. L’uomo, dopo che l’auto si è ribaltata, è uscito dal mezzo ed è fuggito a casa del fratello, proprio perché ubriaco. Ma i civich lo hanno individuato e sottoposto all’alcol test, con tutte le conseguenze del caso.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo