Eitan
Cronaca
Caso internazionale

Strage Mottarone, il piccolo Eitan portato in Israele dai nonni: aperta inchiesta per sequestro di persona

Il bimbo, unico sopravvissuto alla tragedia, è stato sottratto alla zia Aya, sua tutrice legale

Il piccolo Eitan Biran, il bimbo di sei anni unico sopravvissuto alla tragedia della funivia Stresa-Mottarone, non è più in Italia. È stato portato in Israele dai nonni materni, che lo hanno sottratto alla zia Aya, sua tutrice legale. Un’altra zia, parlando a una radio israeliana, ha ribadito che il bimbo sta bene, è felice e che non si è trattato di un rapimento.

Ma ci sono aspetti da chiarire, in quella che si profila come una tragedia nella tragedia: la lotta tra le due “anime” della famiglia per l’affidamento e la custodia del bambino. Sulla vicenda, non a caso, la Procura di Pavia ha aperto un’inchiesta per sequestro di persona.

Milano ha appreso con sgomento la notizia del sequestro del piccolo Eitan ed esprime una decisa condanna nei confronti di questo gravissimo atto che viola le leggi italiane ed internazionali”, ha fatto sapere il presidente della Comunità ebraica milanese Milo Hasbani. “L’augurio è che la vicenda si risolva nel più breve tempo possibile nella direzione dell’ottemperanza della decisione del Tribunale dei minori“.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo