area sosta camion gn
Cronaca
IL FATTO

Spunta il progetto del maxi parcheggio: «Un’area di sosta notturna per camion»

Il piano di rilancio presentato da Iveco Security al Comune di Torino e alla Circoscrizione 6

I primi interventi delle forze dell’ordine in lungo Stura Lazio possono essere un ottimo inizio ma, di certo, non la soluzione finale al problema. Per questo motivo il Comune di Torino ha avviato, nei giorni scorsi, i primi contatti preliminari con Iveco Security e Circoscrizione 6. L’assessore all’Urbanistica di Palazzo Civico, Paolo Mazzoleni, si è confrontato con l’azienda che ha presentato alla Città il progetto sicurezza su cui sta lavorando da tempo. Il piano prevede la realizzazione di un maxi parcheggio per camion e auto, per cancellare l’incubo legato alle nuove occupazioni. Una progettazione impegnativa per rilanciare uno spazio abbandonato e creare un’area di sosta importante – notturna e diurna – con un sistema di illuminazione ad hoc e un servizio di custodia.

L’obiettivo è permettere ai camionisti di poter sostare all’interno di uno spazio sicuro e sorvegliato, evitando attacchi da parte di bande armate (come già successo nel piazzale del Dazio di corso Giulio Cesare). Così si si risolverebbe un problema di sicurezza per i lavoratori che potrebbero godere di un vero punto notte per la sosta. «E verrebbe migliorata la viabilità, garantendo più sicurezza alle auto in transito» dichiara il coordinatore alla Viabilità della 6, Enrico Scagliotti, che spera «in un ritorno immediato della legalità». Nell’attesa il gruppo Iveco non è restato con le mani in mano e ha già provveduto a installare torri faro e telecamere, ben visibili lungo lo stradone un tempo ridotto a discarica a cielo aperto.

Oggi i rifiuti non ci sono più e dove abbondava l’immondizia è tornato a fare la sua comparsa il prato. Un “boschetto” recintato e sorvegliato, per evitare che qualche incivile torni alle vecchie abitudini di un tempo. Collocati anche i primi new jersey a ridosso del campo abusivo, con tanto di cartelli e telecamere. Aspettando un sì dal Comune di Torino per procedere, un domani, con gli altri interventi.

I tempi di recupero, però potrebbero non essere così celeri. Gli appezzamenti di terreno appartengono alla Città, a Iveco e a piccoli privati. Serve, dunque, un’intesa ancora tutta da trovare. «Si è trattato del primo di molti incontri – spiega il presidente della Circoscrizione 6, Valerio Lomanto, che precisa -. È importante intervenire in tempi brevi perché non vorremmo si riformasse un nuovo campo, proprio a due passi da quello sgomberato 8 anni fa».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo