Pessina (foto depositphotos)
Sportegolando
Pillole di sport

Sportegolando

Le priorità di Pessina e il futuro di Gabbiadini

SOGNO

«Io ho sempre avuto passione per lo sport. Li ho fatti tutti, compresi judo e sci: ma nella cucina di mia nonna, insegnante di latino, io la facevo impazzire non smettendo mai di tirare calci al pallone. I miei genitori mi hanno consigliato di far convivere le cose in cui ero più capace: studiare e giocare a calcio. Forse erano preoccupati, ma non hanno mai tarpato le ali al mio sogno. Ora sono iscritto ad Economia alla Luiss, ho fatto sette esami. Quest’anno sono andato piano. Da settembre riprenderò a studiare, ma non ho fretta. La mia priorità ora è il calcio».

Matteo Pessina, campione d’Europa e studente brillante

CONSIGLI

«Ci sono arrivato con la giusta maturazione, ma non sono uno di quelli che si mette a dare consigli ai giovani. A parole, dico. Preferisco semmai i fatti. E ho trovato nella Sampdoria il mio ambiente ideale. Dopo due anni a Napoli e due in Inghilterra sono tornato qui. Ho un ottimo rapporto con presidente, società, tifosi, con Genova. Non vedo motivo per cambiare…Ma non posso dire come Quagliarella che resterò ad abitare qui una volta che smetterò, a 35, 36 o 38 anni. Casa mia è a Bologna. Però si vedrà».

Manolo Gabbiadini pensa al presente ma non vuole immaginare il futuro

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Sportegolando
LA RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo