Maurizio Sarri (Depositphotos)
Sportegolando

Sportegolando

GENERAZIONE «Marcare Cristiano Ronaldo è complicato, quel bastardo non ti lascia respirare. Contro di lui non ho mai fatto male ma è stato molto difficile, è una macchina da gol. Tra Messi e Pelè scelgo quest’ultimo perché ha cambiato il calcio mentre Messi ha cambiato una generazione. Ma se devo dire chi è il migliore della storia secondo me Pelé non dovrebbe rientrare in questo discorso perché è una categoria a parte. Quindi dico Messi».
Dani Alves parla dei più forti di sempre

PATENTINO «Valverde? Quello che mi sembrava strano era che l’anno scorso aveva fatto un solo gol, mi pare nella Supercoppa. Con il tiro che ha… Per questo gli ho detto: Se non riesci a fare almeno 10 gol in una stagione, io devo prendere il patentino da allenatore e stracciarlo per andare in pensione. Valverde ha un piede che è una roccia e ora ha pure segnato di sinistro, cosa che non gli ho mai visto fare neppure in allenamento».
Ancelotti si coccola il suo nuovo fenomeno

PAURA «Una partita che non è stata giocata e non dipende da una carenza di concentrazione. Siamo stati presuntuosi, in questo modo in Europa non va bene. Le motivazioni sono difficili da comprendere. Questo è uno spogliatoio nel quale non ci sono criticità, ma questi cali esistono. La mia paura è che ci sia un elemento scatenante che non riusciamo a controllare. Quando parlo di germe, intendo dire che qualcuno possa trasmettere qualcosa in maniera involontaria».
Maurizio Sarri sconsolato dopo la scoppola in Danimarca

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Rubriche
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo