Depositphotos
Sportegolando

Sportegolando

RIMPIANTO «Mi manca giocare con la maglia del Napoli, ma ho fatto la mia scelta e non me ne pento. Sono il primo tifoso e Napoli è casa mia. Se andrò via da qua sarà per tornare a Napoli. Ora sto qui e penso a stare bene. Ora, da qui, fa male vedere le loro partite e non stare in campo, però purtroppo è la vita. Il rimpianto che abbiamo avuto la possibilità sia con Sarri sia con Spalletti di vincere lo scudetto e non ci siamo riusciti. Speriamo che un giorno i tifosi possano festeggiare perché se lo meritano. E soprattutto spero che siano sempre orgogliosi e fieri di me, in occasione della mia ultima gara con il Genoa ho sentito tanto il loro affetto». Lorenzo Insigne non può cancellare il passato

RESPONSABILITÀ «Tutti hanno voluto imitare Guardiola che ha inventato la partenza dal basso solo perché quando in Spagna giocavano contro il suo Barcellona le piccole arroccavano, senza muoversi mai. Giocando da dietro si chiama fuori la squadra avversaria e si libera spazio per le punte ma in Italia non ci sono quei tipi di giocatori che permettono questo tipo di giocate. Infatti spesso sbagliano e si fanno portare via il pallone. Fosse successo ai miei tempi saremmo stati presi in giro da tutta la squadra. Occorre senso di responsabilità, è indispensabile per giocare meglio». Il male del calcio italiano secondo Pietro Vierchowod

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Rubriche
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo