Roberto Mancini (foto: depositphotos)
Sportegolando

Sportegolando

SPAREGGI «Alla fine guarderò le partite del Qatar. Non sarà semplice. Più ci pensi e più capisci che certe situazioni sono segnate. Avevamo dominato il girone, dovevamo andare diretti al Mondiale: altro che spareggi. Invece… Ci dà una mano il fatto che siamo campioni d’Europa. Bisogna ripartire da quello, più forti di prima. Sapendo che lo sport è come la vita: capitano situazioni totalmente inattese e incredibili. Sarà un torneo anomalo. Mai visto sospenderlo per due mesi. Non sarà semplice». Roberto Mancini sta per cominciare la stagione più anomala della sua carriera

CHIMICA «Sono uscito dalla mia comfort zone perché è una cosa che mi migliorerà anche come essere umano. La chimica con i miei nuovi compagni verrà, non mi preoccupa. L’ambientamento richiede tempo, vedremo quanto. Ma è normale che sia così, come anche le critiche. Non sono preoccupato, questa è la vita del calciatore. Posso migliorare in tutto. Se pensi che sia bravo a fare una cosa, posso comunque sempre migliorarla. E devo farlo. Sono un giocatore giovane, ora gioco per Pep Guardiola e per il miglior club inglese, devo continuare a migliorare in tantissime cose. È questo ciò che mi piace del calcio: puoi sempre diventare più forte e completo». Erling Haaland, prima partita ufficiale e prime critiche al City

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo