Chiellini
Sportegolando

Sportegolando

PASSIONE «Avevo dato tutto, la mia esperienza era al capolinea e avevo bisogno di provare qualcosa di diverso. In America ho riscoperto la passione, ho ancora voglia di allenarmi ogni giorno, anche se so che a 37 anni devo gestirmi, senza farmi trascinare dall’entusiasmo. Nel secondo tempo ero un po’ stanco, non abbiamo voluto rischiare e sono uscito. Ci sono difensori bravi, non voglio essere egoista. La prossima settimana arriverà la mia famiglia: non vedo l’ora di riabbracciare le bimbe e mia moglie». Giorgio Chiellini spiega la scelta della MLS

COMFORT «Sono i due migliori allenatori al mondo. Ed è un privilegio aver lavorato con entrambi. Penso che ci siano un sacco di calciatori che sono gelosi di me, perché non hanno avuto questa possibilità. Credo che la vita sia fatta di sfide e io cerco sempre di sfidare me stesso. Se non esci dalla tua zona di comfort, non cambi mai e non migliori mai. Ho passato quattro anni splendidi con Jurgen, lo adoro come allenatore e come persona, ma sentivo di dover cercare qualcosa di nuovo. Volevo lasciare il Borussia a Dortmund, non aveva molto senso pensare a tornare a lavorare con Klopp quando cercavo una nuova squadra. Ed è uno dei motivi per cui non sono andato al Liverpool». Ilkay Gundogan è fortunato, ha lavorato con Klopp e con Guardiola

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo