Matteo Pessina (Depositphotos)
Sportegolando

Sportegolando

GIOIE «Mio figlio è un interista sfegatato, sicuramente sarà felice che un grande calciatore come Mkhitaryan sia stato ingaggiato dai nerazzurri. Penso che lo stesso possa dirsi anche dell’atleta, che ha firmato per l’Inter. Ecco, mettiamola così: le due gioie combaciano. Sia per il fan, che per il procuratore di emozioni. Io sono uno sportivo a metà. Se domani l’Inter di Henrikh giocasse meglio del Milan, io allora opterei per i nerazzurri. Ma se fosse il contrario tiferei Milan. In realtà io sono un po’ milanista, ma rispetto sempre chi merita sul campo».
(Per Al Bano la vera felicità sono le due squadre di Milano)

LAZZARONE «Sono felice che Matteo Pessina abbia accettato di venire con noi. É un monzese come me. Conosco il papà e ho conosciuto suo nonno. Lui è cresciuto nella Dominante, la stessa squadra nella quale avevo provato a giocare anch’io. Ero una punta, ero anche un buon attaccante, ma ero un lazzarone e non inseguivo nessuno….Nel 2015 l’avevo portato al Milan pagando quei 30 mila euro che consentirono ai curatori fallimentari del Monza di pagare gli stipendi dei dipendenti. Poi Matteo è cresciuto fino a vestire la maglia azzurra e ora torna da noi, come capitano del Monza in Serie A! La sua storia mi commuove e sono sicuro che darà energia alla squadra».
(Per Adriano Galliani la Serie A è una questione affettiva)

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo