Federico Bernardeschi con la maglia dell'Italia (Depositphotos)
Sportegolando

Sportegolando

STIMOLI «C’erano molte offerte e mi sono sentito molto fortunato, avevo la possibilità di scegliere fa sempre piacere. Però penso che la mia scelta sarebbe rimasta uguale. Penso di aver giocato nel miglior top club in Italia, ho fatto una grandissima esperienza e devo tantissimo ai bianconeri. Ho vinto con Juve e Nazionale, avevo bisogno di stimoli in un’altra parte del mondo. Quando ci sono questi cambi di allenatori, con ognuno che impone le idee, bisogna adattarsi. In questo sono stato penalizzato. Ho dato disponibilità massima a cambiare ruolo molte volte, forse questo mi ha penalizzato. Io di rimpianti non ne ho, mi sono trovato bene con tutti». Federico Bernardeschi non è pentito di aver scelto Toronto

SOLIDE REALTÀ «Non ho visto la presentazione e non mi ha fatto nessun effetto, io non vendo sogni ma solide realtà. Lotito porta i risultati, la Lazio dopo la Juve è la società che ha vinto più di tutti. Anche dopo che ha vinto un trofeo il tifoso laziale ha sempre qualcosa da ridire. Mercato della Roma da prima pagina? La Lazio ha preso 6 calciatori e forse faremo altre cose in entrata. Non faccio cose di estetica, io non sono un tifoso-presidente ma un presidente-tifoso e devo creare le condizioni affinché la società abbia un futuro sempre più roseo». Claudio Lotito non rosica, almeno a parole, per l’arrivo di Dybala alla Roma

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo