Gigio Donnarumma (foto: depositphotos)
Sportegolando
LA RUBRICA

Sportegolando

LEONE «Un giorno ho detto: “Fermarmi mi ha fatto crescere, ora mi sento un leone”? Quando l’ho detto mi sentivo così. Subito dopo però mi sono sentito la preda del leone. In tanti potevano mollare e abbattersi, mentre io venivo dall’Europeo, il mio momento più bello a livello calcistico, poteva arrivare di tutto. Dopo l’operazione lavoravo come un matto, poi ho avuto due mesi molto difficili. Ma è il passato. Poteva arrivare anche il Real Madrid? L’interessamento di un club di quel livello può fare solo piacere. Lì sapevo di essere uno dei migliori terzini al mondo. Voglio tornare a quei livelli e sono sicuro che ce la farò. Nel mio ruolo sarò ancora un top mondiale». Leonardo Spinazzola vuole riprendersi tutto

IDOLO «Se davvero non avevo capito che avevamo vinto gli Europei? Non esattamente. Non è che non abbia capito che avevamo vinto. Ma in quell’istante ti passa di tutto ed è incredibile. Dopo te ne rendi conto. È stata un’emozione indescrivibile che porterò sempre con me, Idolo d’infanzia? È sempre stato Buffon. È stato ed è il più forte di tutti, è italiano ed è il mio idolo. Io l’ho sentito tante volte in questo Europeo e mi ha dato tantissimi consigli anche su Parigi. E lo ringrazio per avermi dato consigli anche quando era in Nazionale con me». Gigio Donnarumma pronto per la seconda stagione con il PSG

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo