Depositphotos
Sportegolando

Sportegolando

PELLE D’OCA «Il 2006? Il problema è che più guardiamo quelle immagini più ci viene la pelle d’oca, perché stiamo invecchiando. Fu qualcosa di fantastico che porteremo sempre dentro di noi. Il problema è che sono passati troppi anni. Siamo rimasti indietro perché ci siamo fermati lì, non abbiamo portato avanti i nostri concetti. A volte ci siamo vergognati di portarli in giro, ma andavano solo un po’ modificati».
Presente e futuro del calcio italiano secondo Fabio Cannavaro

PROFESSIONISMO «Quelle dilettantistiche di partite sono le più dure: anche a me è capitato di non essere messa a mio agio. Ma nel professionismo, come dice la parola stessa, c’è professionalità. I miei genitori non volevano che giocassi a calcio, ma erano altri tempi rispetto a ora. Il corso arbitri mi sembrò un’occasione da cogliere».
Maria Sole Ferrieri Caputi, primo arbitro donna in Serie A

TOP PLAYER «È sempre stato un po’ all’ombra di qualcuno e sinceramente non ho mai capito perché: non ha nulla da invidiare a nessuno, il calcio segue logiche non sempre comprensibili. Stiamo parlando di un top player assoluto, eppure capace di sacrificarsi per i compagni: nella mia squadra giocherebbe sempre».
Gigi Buffon ha giocato con Di Maria e lo conosce bene

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo