Olivier Giroud (Depositphotos)
Sportegolando

Sportegolando

FUTURO «Crederci sempre, vuol dire anche in futuro. Penso che se tu non credi non puoi arrivare ai tuoi obiettivi. È una cosa basica ma tanto vera. Quest’anno sarà ancora più difficile ma siamo pronti a battagliare per lo Scudetto e la seconda stella. Quando Ibrahimovic firmerà il rinnovo gli pagherò una cena. Vogliamo che firmi, ovviamente nessuna pressione per la società. Ha ancora fame, è importante per lo spogliatoio. Ho parlato tanto con lui, ha la stessa volontà di vincere anche a 40 anni».
Ora Olivier Giroud ci ha preso gusto

MORTO «Quando mi sono infortunato contro Capo Verde e ho avuto una commozione cerebrale, non ne ho mai parlato quel giorno. Il Liverpool ha fatto pressioni sulla federazione e ha scritto una lettera alla FIFA dicendo che avevo bisogno di almeno cinque giorni di riposo , il che significava che avrei saltato le partite dei quarti di finale. So che non dovevo giocare e decisi di fare un contratto. Sarà una mia responsabilità, firmerò. Se fossi morto, dovevano dire che era colpa mia. Ma hanno detto: “Sadio, non puoi giocare” ma io ho detto: “no, no, è fuori questione”. Non ho firmato il contratto perché mi dissero che non era possibile stipularlo, ma ero pronto a farlo».
Sadio Manè e la Coppa d’Africa, un obiettivo contro tutti

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo