Roberto Mancini (foto: depositphotos)
Sportegolando
LA RUBRICA

Sportegolando

TEMPO

«L’addio all’azzurro di Chiellini? È un dispiacere per tutti perché è stato un grande calciatore della nazionale e della Juve. Purtroppo il tempo passa per tutti» Roberto Mancini sull’attuale momento della Nazionale

LEADER

«Io e Giorgio abbiamo lavorato insieme nel 2005 per alcuni mesi. Giorgio aveva vent’anni. Un combattente, un professionista vero e lo ha dimostrato con tutti i trofei vinti in carriera. Si era capito da subito che avrebbe avuto un gran futuro davanti. Il segreto del suo essere leader? Non ha mai urlato in spogliatoio perché lui è un leader vero. Il segreto per essere capitano della Juve? La serietà nei comportamenti. Giorgio è giovane, può ancora giocare. L’esperienza negli Stati Uniti gli farebbe bene» I consigli di Dino Zoff all’ex capitano della Juventus

ALIBI

«Questo premio significa che ho lavorato bene. Ringrazio i colleghi che mi hanno votato, anche loro sono stati bravi e hanno fatto grandi partite, grandi interventi. Sono contento di ricevere questo riconoscimento alla prima stagione al Psg. Abbiamo fatto bene, abbiamo fatto anche belle partite in Champions ma un’azione sbagliata ci ha fatto staccare la spina, abbiamo mollato e perso una partita dominata. Non cerco alibi, vogliamo fare meglio e con la nostra forza porteremo a casa tanti trofei» Donnarumma premiato come miglior portiere della Ligue 1

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo