Marcello Lippi (Depositphotos)
Sportegolando

Sportegolando

VACANZA «Pioli mi ha colpito per il suo lavoro, da tre anni è ai vertici. Mi ricorda Ancelotti e credo di fargli un bel complimento. Spalletti? L’ho trovato più calmo, riflessivo, disponibile al dialogo». Marcello Lippi giudica i due allenatori da scudetto

CAPELLI «Dobbiamo trovare un sistema in cui le persone che finiscono nella posizione di risolvere i nostri problemi, o almeno che ci possano aiutare a farlo, siano le migliori possibili e non quelle più simpatiche o quelle con i capelli più assurdi. C’è bisogno delle persone giuste in posti del genere. Servono persone competenti e di certo non persone come me o che arrivano dalla televisione e hanno un intelligenza un minimo più spiccata della media. Ma ci sono persone adatte, basterebbe dar loro un minimo di visibilità» Jurgen Klopp per una volta diventa notista politico

LIBERTÁ «Mia madre giocava a basket, mio padre giocava a calcio, quindi eravamo destinati a fare sport, anche se non eravamo sotto pressione e avevamo la libertà di decidere da soli cosa volevamo fare. Questo ha significato molto per noi. Crescendo, c’erano molti buoni giocatori, quindi naturalmente li ho guardati tutti, ma se dovessi scegliere direi Zlatan Ibrahimovic e ho guardato da vicino Zidane perché ho iniziato in quella posizione» Sergej Milinkovic-Savic racconta perché è diventato calciatore

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Sportegolando
LA RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo