wakeboard
News
IL MARE DI TORINO

Sport, cinema, musica e acrobazie sull’acqua nel Bunker di Barriera

Stivali che sembrano scarponi da montagna, giubbottino, casco e poi via, con quella tavola che anziché viaggiare sull’asfalto slalomeggia tra le boe in cerca del trick perfetto. Non c’è il mare a Torino e allora, per quest’estate mai così diversa dal solito, si può ripiegare al Bunker di via Paganini, dove c’è anche un laghetto per fare wakeboard.

Wakeboard al Bunker

È una disciplina a metà strada tra sci nautico e snowboard, dove tra l’altro gli italiani primeggiano nel mondo. «Pratico questo sport da sette anni. Ho iniziato dopo un brutto incidente in bicicletta dove avevo quasi perso il controllo di una gamba. Il wakeboard mi ha aiutato tantissimo», rivela Francesco Di Castri. Sul suo casco in stile marines c’è scritto “ride to kill”, che parafrasa il “born to kill” del Full Metal Jacket di Kubrick. Come lui, tanti altri provano qui il wakeboard, anche perché a Torino altri posti non ci sono. Ma c’è anche chi, approfittando di queste belle giornate di sole, prova ad abbronzarsi sul lettino o sull’amaca, magari sorseggiando un drink o una bibita.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo