LA STORIA

Sparita con il figlio, ricerche nei laghi. «Voleva tornare a Torino dove era nata»

Il giallo della dj Viviana e del piccolo Gioele. La madre disperata: "Ha perso la memoria"

La dj torinese Viviana Parisi e il figlio Gioele

Le ricerche di Viviana Parisi, 43 anni, in arte “Express”, scomparsa con il figlio di quattro anni in Sicilia dopo un incidente stradale sulla Messina-Palermo, proseguono nell’isola e ieri si sono concentrate nei pressi di due laghetti. Una disposizione di ricerca della donna e del bambino è stata diramata ieri anche alla questura e al comando provinciale dei carabinieri di Torino, città dove la donna è nata e ha trascorso l’adolescenza e dove ha incontrato il marito, Daniele Mondello, che con la donna condivide la professione di Dj. Sotto la Mole, in zona San Paolo, vive ancora la madre di Viviana. La donna afferma che la scomparsa della figlia era «assolutamente imprevedibile. Con il marito andava d’accordo ed era felice per Gioele. Io credo che nell’incidente, mia figlia abbia sbattuto la testa e abbia perso il senso dell’orientamento. Non penso che si sia trattato di un allontanamento volontario, non aveva alcun motivo per farlo». L’anziana madre di Viviana sta vivendo questi giorni con il cuore in gola, vicino al telefono e non vuole incontrare nessuno, anche se medita di lasciare Torino per raggiungere la Sicilia dove la figlia si era trasferita dopo il matrimonio e aveva messo su casa a Venetico, in provincia di Messina. Il giorno in cui è scomparsa, Viviana aveva detto al marito di doversi recare al centro commerciale di Milazzo, ma inspiegabilmente si trovava a più di cento chilometri di distanza. Dopo un lieve tamponamento è finita con l’auto contro il guardrail e ha lasciato la vettura proseguendo a piedi con il bimbo. Nella sua automobile sono stati ritrovati i suoi effetti personali. La prefettura di Messina ha attivato il piano provinciale di intervento per la ricerca di persone scomparse, e la procura di Patti ha aperto un’inchiesta per chiarire i contorni della vicenda. Due le ipotesi più probabili per gli investigatori: quella che la donna, che negli ultimi tempi soffriva di depressione dovuta al lockdown, abbia potuto fare un gesto sconsiderato; oppure che si sia allontanata volontariamente, forse aiutata da qualcuno. Da qui la possibilità che in treno, se non in auto, abbia raggiunto il Piemonte dove Viviana ancora conserva affetti e relazioni. In realtà, a Borgo San Paolo, quartiere dove ha vissuto in gioventù, ai più il ricordo della Dj appare datato e sbiadito: «Una ragazzina esuberante a cui piaceva molto la musica», dice chi la conosceva. Ma è anche possibile che, attraverso la sua professione e i numerosi video musicali postati sul Web, Viviana abbia intrecciato nuovi rapporti, in Sicilia, ma più probabilmente altrove e, infine, abbia deciso di coltivarli, cancellando il suo precedente vissuto. Ovviamente la donna ha portato con sé la creatura a cui più teneva, il figlio Gioele, per crescere il quale Viviana aveva interrotto la sua attività per alcuni anni. «Non se ne era mai pentita – ha dichiarato il marito -, ma ultimamente aveva deciso di riprendere il lavoro». Ieri, Daniele Mondello, ma anche gli amici di Viviana e alcuni suoi fan, hanno lanciato un appello sui social. Intanto, ancora nella serata di ieri, sono proseguite le ricerche nei due laghi poco distanti dall’autostrada che collega Messina a Palermo, zona nella quale “Viviana Express” e suo figlio Gioele sono stati intravisti da alcuni testimoni.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single