Schermata 2017-09-27 alle 22.50.35
News
NIZZA

Sosta a un euro per gli ospedali. Strisce blu a partire da febbraio

Parchimetri attivi dalle 8 alle 18,30 tra corso Bramante a corso Caduti sul Lavoro

Il passaggio è squisitamente tecnico, perché nella seduta di martedì la giunta Appendino si è limitata ad allargare il perimetro nel quale il provvedimento entrerà in vigore. Ma aver inglobato anche il parcheggio di corso Moncalieri 80 nell’area che vedrà il debutto della sosta a pagamento nella zona degli ospedali la dice lunga sulla volontà del Comune a tirare dritto sull’estensione delle strisce blu. Progetto, per amore di verità, ereditato dall’amministrazione Fassino e poi accantonato prima delle elezioni.

L’unica incognita resta quella dei tempi. Perché se a novembre i parchimetri entreranno in funzione nel quartiere del Pilonetto, tra il ponte Isabella e via Villa Glori, il ponte Balbis e corso Moncalieri, per il quadrilatero idealmente compreso tra corso Bramante e corso Caduti sul Lavoro, corso Unità d’Italia e il trincerone della Ferrovia occorrerà attendere il prossimo anno. Inizialmente la circoscrizione Otto aveva ipotizzato che il provvedimento potesse entrare in vigore a gennaio, ma potrebbe anche slittare al mese successivo. Il tempo tecnico di tracciare gli stalli e installare i parchimetri.

La delibera portata in giunta dall’assessore alla Viabilità Maria Lapietra esplicita anche costi e orari della nuova area a pagamento. Il prezzo della sosta verrà armonizzato ovunque in un euro all’ora, anche nelle aree di via Nizza di fronte al Lingotto – dove si paga già adesso- e di corso Dogliotti, nel parcheggio a servizio delle Molinette. Nell’area più prossima agli ospedali, tra corso Bramante, il lungo Po, piazzale Fratelli Ceirano, via Richelmy e via Genova verrà invece adottato l’orario ridotto dalle 8 alle 18,30. Complessivamente, con l’arrivo delle strisce blu anche attorno a Molinette, Regina Margherita, Sant’Anna e Cto nasceranno 4.859 nuovi stalli a pagamento per quasi 19 mila residenti.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo