soccorsi 118
Cronaca
Un campione di sangue è già stato invitato all’ospedale Amedeo di Savoia di Torino

Sospetto caso di tetano, la bimba risponde alle cure ma resta ancora in prognosi riservata

Il vaccino contro il tetano rientra tra i dieci antidoti classificati come obbligatori per la frequenza scolastica dal decreto Lorenzin

AGGIORNAMENTO 20.30 – La bimba di 7 anni ricoverata all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino resta ancora in prognosi riservata, anche se le sue condizioni sono stabili e sta rispondendo alle cure. Non è intubata, ma è sedata per evitare spasmi e complicanze, dal momento che il tetano – se confermato – può causare danni neurologici.

14.40 – Sospetto caso di tetano all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. Una bambina di sette anni, colpita da spasmi e convulsioni, è ricoverata in rianimazione, sedata e in prognosi riservata.

I sintomi, per i sanitari, sono compatibili con una infezione da tetano, ma la conferma arriverà soltanto nei prossimi giorni con l’esito degli esami. La bimba, come confermano fonti sanitarie, è stata sottoposta alla profilassi contro il tetano, per cui non è risultata vaccinata.

Un campione di sangue è già stato invitato all’ospedale Amedeo di Savoia di Torino, specializzato nella diagnosi e nella cura delle malattie infettive. I risultati sono attesi nei prossimi giorni. Il vaccino contro il tetano rientra tra i dieci antidoti classificati come obbligatori per la frequenza scolastica dal decreto Lorenzin.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo