IL CASO

Smog, nel mirino i diesel Euro5. E “stop” agli Euro4 da gennaio

Da inizio ottobre ripartiranno i divieti di circolazione per i veicoli più inquinanti

(foto ANTONINO DI MARCO)

Da ottobre si riaccenderà anche in Piemonte il “semaforo antismog”, che quest’anno avrebbe dovuto prevedere il blocco definitivo dei diesel Euro4 fino alla primavera, slittato per via del Covid al prossimo gennaio anche il Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. I veicoli più inquinanti non saranno risparmiati a partire dal quarto superamento successivo del limite di 50 microgrammi per metro cubo di Pm10 nell’aria, perché l’asticella dell’attenzione si è alzata di una tacca. Da quest’anno, infatti, con l’accendersi del “semaforo arancione” si dovranno fermare i veicoli diesel omologati Euro 5, dalle 8,30 alle 18,30: all’incirca 320mila in Piemonte e 164mila circolanti sulle strade della provincia di Torino. Confermati, invece, i divieti di circolazione strutturali, che saranno validi anche senza sforamenti per cui dovranno spegnere il motore i veicolo a benzina, gpl e metano Euro 0; i diesel Euro 0 e 1 banditi tutti i giorni, festivi compresi, 24 ore su 24; i diesel Euro 2, bloccati da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 19; i diesel Euro 3 fermi dal lunedì al venerdì tra le 8 e le 19, fino al 31 marzo. E, come detto, da gennaio 2021 il divieto sarà esteso ai veicoli dotati di motore diesel adibiti al trasporto di persone omologati Euro 4.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single