torino smog 21 giornale
News
Appendino, Cirio, Chiamparino e Fassino

Sindaci e governatori indagati per lo smog: «Dovevano fermarlo»

Finiscono nei guai anche cinque assessori all’Ambiente. I pm: «L’inquinamento è un’emergenza sanitaria»

Caso smog a Torino: la Procura ha inviato avvisi di garanzia per un potenziale reato di “inquinamento ambientale” nei confronti dei vertici del Comune di Torino e della Regione Piemonte.

L’inchiesta risale già ad alcuni anni fa dopo l’esposto di un privato cittadino che lamentava dell’insufficienza dei provvedimenti presi dagli Enti per risolvere il problema. Tra gli indagati risultano sia la sindaca Chiara Appendino che il governatore Alberto Cirio, ma anche i loro predecessori Piero Fassino e Sergio Chiamparino. Nel mirino della Procura anche gli assessori all’Ambiente succeduti negli ultimi anni.

CIRIO: “REGIONE HA SEMPRE RISPETTATO NORMATIVA”
La Regione Piemonte, tramite dichiarazioni del governatore Alberto Cirio e dell’assessore Matteo Marnati, ha commentato così la notizia: “Abbiamo sempre operato nel pieno rispetto della normativa italiana ed europea – si legge in una nota -. Questo non solo per dovere di legge ma anche perché la qualità dell’aria e il rispetto dell’ambiente restano una priorità assoluta. Questa mattina abbiamo ricevuto l’invito a comparire nell’ambito di un’inchiesta per fatti che partono dal 2015 riguardo a misure di contrasto all’inquinamento atmosferico: siamo già pronti a presentare tutta la documentazione necessaria grazie al lavoro della Direzione Regionale Ambiente e dell’Arpa“.

APPENDINO: “NOSTRO LAVORO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI”
“Il lavoro della nostra amministrazione a difesa della qualità dell’aria e sulla sostenibilità è sotto gli occhi di tutti – commenta, invece, Chiara Appendino -. Le iniziative messe in campo nel corso di questi anni sono state riconosciute anche a livello europeo: siamo pronti a portare tutto il lavoro svolto sul tavolo del magistrato che sta svolgendo le indagini”, conclude la sindaca di Torino.

+++ ULTERIORI APPROFONDIMENTI NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo