L’INIZIATIVA L’appello di TorinoCronacaqui a Mattarella

«Signor Presidente, Alex Zanardi merita una medaglia d’oro» – FIRMA LA PETIZIONE

Mobilitazione sulla piattaforma change.org per chiedere il riconoscimento al valore civile

C’è tutto un mondo che fa il tifo per Alex Zanardi, anche quelli che lo conoscevano sommariamente oppure che ne ignoravano la forza morale ancora prima delle prestazioni sportive. E per questo l’appello che abbiamo lanciato ieri dalle nostre colonne ha riscosso grande interesse e si è trasformato in una richiesta ufficiale, con tanto di raccolta forme aperta sulla piattaforma Change.org e quindi sottoscrivibile da tutti.

Una lettera indirizzata al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare un suo intervento diretto: “Il quotidiano Torino CronacaQui si rivolge a Lei consapevole della sua sensibilità e della sua profonda umanità, per invocare il conferimento della Medaglia d’oro al Valor Civile all’atleta Alex Zanardi, i cui meriti sportivi, umani e sociali sono ben noti a tutti. L’onda di commozione generata dall’incidente e dalle attuali drammatiche condizioni in cui l’atleta versa è una ulteriore dimostrazione di come questa figura rappresenti un esempio per moltissime persone, un esempio che diventa tanto più importante per l’opera sociale svolta a favore delle persone in difficoltà. Certi che Lei, signor Presidente, saprà accogliere questa richiesta che viene dai cittadini attraverso la nostra testata”.

E intanto a Siena un’altra giornata è passata senza sostanziali cambiamenti come ha evidenziato l’ultimo bollettino medico: «Il quadro neurologico resta invariato nella sua gravità. Il paziente rimane sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Eventuali riduzioni della sedo-analgesia, per la valutazione dello stato neurologico, verranno prese in considerazione a partire dalla prossima settimana. La prognosi rimane riservata», hanno spiegato i medici de Le Scotte. E in ogni caso servirà ancora qualche giorno per valutare bene tutto, compreso il risveglio. Lo ha confermato anche Roberto Gusinu, direttore sanitario dell’ospedale: «Il quadro, come definito dal neurochirurgo fin dall’inizio, era molto serio e per questa serietà viene valutato periodicamente e i clinici hanno fatto le loro proiezioni».

Parallelamente va avanti anche l’inchiesta condotta dai carabinieri di Montepulciano e coordinata dalla Procura di Siena. Due le ipotesi al vaglio per l’incidente, quella del guasto meccanico o dell’errore umano. Da testimonianze e filmati acquisiti sembra poter essere esclusa la pista della distrazione fatale di parte di Zanardi, che era concentrato solo sulla strada. Per questo nuove risposte potrebbero arrivare nei prossimi giorni dalla perizia tecnica disposta sulla handbike del campione bolognese. Ma ci sono verifiche in corso anche sugli altri aspetti, come quello della sicurezza legata alla manifestazione, che non era una gara ufficiale ma pur sempre una staffetta su strada aperta al traffico.

+++ Firma anche tu la petizione: http://chng.it/7TBw947GHZ +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single