Fonte: Depositphotos
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Sigfrido il qualunquista

Bufera sull’ultima puntata di Report. I Pd sono scatenati: “nella trasmissione dell’1 novembre sono stati espressi dubbi sull’efficacia dei vaccini, perplessità sulla durata della copertura degli anticorpi, affermazioni del tutto campate in aria sulla ‘larga frequenza di effetti collaterali’ dopo la somministrazione del vaccino, speculazioni dietrologiche sul ‘grande business della terza dose detenuto da ‘multinazionali del farmaco’ concentrate solo a ‘accumulare enormi profitti con la perdita di efficacia della terza dose, oltre che dubbi sulla efficacia del Green Pass e della sua eventuale estensione”. I parlamentari del Pd sono indignati: “È un episodio molto grave di disinformazione su una rete del servizio pubblico, una lagna qualunquista”. Renzi attacca: “Il vaccino non è un business. Report non fa servizio pubblico”. Per i renziani Anzaldi e Faraone la puntata è stata “un episodio gravissimo di cattiva informazione che va contro l’interesse dei cittadini e la tutela della salute pubblica”. Non ricordo levate di scudi simili quando Report si scatenava sui finanziamenti della Lega o sulle presunte collusioni fra Berlusconi e la mafia. Ma non voglio discutere le tesi di Sigfrido Ranucci. Mi basta sottolineare come la sinistra concepisca la libertà di stampa. I suoi mastini devono mordere solo chi vuole il padrone. È lui che decide qual è l’interesse dei cittadini, come si fa un servizio pubblico, cosa è disinformazione e cosa no. Chi si discosta dal pensiero unico fa solo “disinformazione”, “lagne qualunquiste”, “affermazioni campate in aria” e “speculazioni dietrologiche”. Ed è questo che fa incazzare, sul serio, che si tratti del Covid, degli sbarchi o del clima.
collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Buonanotte
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo