Cna
Economia
IL CASO

«Sì alle comunità energetiche e nuovi invasi sull’arco alpino»

L’assessore Marnati sull’utilizzo delle risorse del Pnrr al convegno promosso da Cna

Sviluppo delle comunità energetiche e costruzione di nuovi invasi sull’arco alpino. Queste le prossime mosse della Regione Piemonte, che per voce dell’assessore all’Ambiente, all’Energia e all’Innovazione Matteo Marnati, intervenuto ieri mattina a un convegno promosso da Cna Torino e Cna Costruzioni a Restructura, dice sì allo sviluppo delle Comunità energetiche anche attraverso un uso efficiente dei fondi del Pnrr in arrivo sul territorio.

Secondo Marnati in tempi di caro bollette le comunità energetiche possono diventare un prezioso strumento per abbattere il costo dell’energia di cittadini e imprenditori e per favorire la diffusione dell’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili. Marnati si è detto anche favorevole alla costruzione di nuovi invasi sull’arco alpino con il duplice obiettivo di conservare l’acqua in quota quando è disponibile per poterla poi usare nei momenti di siccità e consentire il funzionamento di nuove centrali idroelettriche. «Anche se per questi progetti richiederanno molto tempo per essere attuati e non potranno dare risposte nell’immediato».

Più in generale, Marnati si è detto favorevole, come del resto la Cna Torino, allo sfruttamento da subito di tutte le energie da fonti rinnovabili, dalle biomasse al fotovoltaico. A questo proposito, CNA Torino sta dando vita in accordo con la Scuola di Amministrazione Aziendale dell’Università agli studi di Torino al “Laboratorio di ripresa e resilienza” con l’obiettivo di favorire un corretto utilizzo dei fondi del PNRR e l’integrazione delle progettualità per farle convergere su risposte concrete e utili. Il Laboratorio ha già incassato a Restructura in occasione della sua presentazione la disponibilità di un sostegno economico da parte della Camera di commercio.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo